KUNG FU PER TUTTI

Età per praticare arti marziali

Non è mai né troppo presto né troppo tardi per iniziare una disciplina marziale, tuttavia l’età ha una importanza primaria nella scelta della disciplina. I bambini sotto i cinque anni dovrebbero evitare tutta una serie di esercizi che possono influire sulla corretta crescita e che di norma vengono insegnati dopo un certi gradi di sviluppo del corpo. Inoltre la componente ludica è fondamentale e che il bambino dovrebbe allenarsi assieme ai suoi coetanei; si può sfruttare questa fase della vita per sviluppare la coordinazione e la propriocezione.

Fino ai 40 anni il corpo è ricco di energie, soprattutto attorno ai venti anni: questa è l’età giusta per spingere col fisico, sfogarsi e mettersi alla prova. Dopo i 40, considerato non a caso il limite di età per combattere, bisogna cominciare a rispettare le esigenze del corpo, a curare le articolazioni, a mantenere salute ed elasticità.

Perché volete praticare arti marziali?

Possono esistere svariati motiviper intraprendere un’arte marziale: mantenersi in forma, formare un corpo solido e crescere in modo sano, imparare a difendersi da soli, amore per le arti marziali, stare in gruppo, combattere, ecc. Tutte le arti marziali aiutano a stare in forma e a mantenere la salute e molte di esse sono ideali per la formazione di corpi armoniosi e forti.

La pratica degli esercizi delle arti marziali può direttamente migliorare la salute mentale: favorisce l’integrazione corpo-mente, il rilassamento, l’attenzione, la comunicazione e persino l’accettazione di sé.
A livello fisico i benefici sono meno evidenti, ma allo stesso tempo importanti: l’esercizio delle arti marziali rende agili e flessibili, aiuta a rinforzare la schiena e tonifica i muscoli di tutto il corpo.

Dedizione

Quanto tempo e quante energie si è disposti ad investire nella pratica di un’arte marziale? Quando lontano da casa avete voglia di viaggiare per seguire un corso? Alcune arti marziali richiedono molta dedizione per poter essere apprese, soprattutto in termini di preparazione fisica e tecnica.

Per ottenere risultati eccellenti alcune arti marziali debbono essere praticate addirittura quotidianamente. Altre arti marziali meno famose hanno scuole solo in poche città, e questo richiede spostamenti continui e un minimo investimento in termini di tempo e spese di viaggio. 

Il Maestro e la palestra

Fondamentale nella valutazione di un’arte marziale è il Maestro. Oltre che a esibire tutti i vari diplomi un Maestro dovrebbe dimostrare la sua arte attraverso i suoi allievi, valutandone non solo la bravura ma anche il carattere e la disciplina. Valutate con cura le condizioni della palestra e dei suoi strumenti e assicuratevi che i soldi che date per l’assicurazione per gli infortuni siano effettivamente utilizzati. A parità di bravura e professionalità, ogni maestro ha un proprio carattere e un proprio stile di insegnamento: scegliete quello che vi mette più a vostro agio e nelle condizioni di dare il 100%.

Non abbiate paura di fare domande, di valutare i feedback e di provare molte discipline e molti maestri prima di scegliere. Ricordatevi di fare almeno una lezione di prova, specialmente prima di abbonarsi per uno o più mesi. Quando si tratta di bambini, ascoltate bene i loro desideri ed evitate di mandarli semplicemente nella scuola più vicina per mera comodità o perché ci sono i suoi amichetti.

Non affidatevi a chiunque

Le arti marziali vengono spesso riportate alla dimensione di pura tecnica di combattimento atta a difendersi o a attaccare. Si tratta però di un pensiero riduttivo che non rende merito agli innumerevoli benefici che queste discipline comportano verso chi le pratica. È vero che le arti marziali traggono la loro origine dalla necessità dell’uomo di imparare a difendersi. Le condizioni della storia favorirono il nascere e il progredire di queste arti facendo sì che si fondessero movimenti corporei con tradizioni religiose e mediche.

Trovare qualche referenza sul maestro e sulla scuola da parte di allievi ed ex allievi può aiutare non poco (soprattutto per capire se le critiche riguardano un punto per noi sensibile). Cercate di informarvi almeno un po’ anche attraverso Google e YouTube, non solo sulla scuola ma anche sullo stile o disciplina che intendete praticare.

  • Un consiglio.. non fate troppo affidamento sulla lezione di prova.

Al massimo usatela per accertarsi (soprattutto nel caso di palestre sconosciute o nuovi corsi) che il maestro sia una persona corretta ed esista una didattica nel corso con dei programmi e degli obiettivi chiari.

Newsletter