Via Friuli 9 20811 Cesano Maderno MB Italy
+39 3475993232
  • it
  • en

ARTE MARZIALE INDONESIANA

Precedentemente noto come Indie Orientali Olandesi, l’Indonesia ha ottenuto l’indipendenza dall’Olanda dopo la Seconda Guerra Mondiale. E’ composta da non meno di 13.360 isole, tra cui alcune delle isole più grandi e famosi al mondo. Le più importanti isole sono: Sumatra, Java (sede della capitale di Jakarta), Borneo, Bali, e Irian Jaya, che è la metà occidentale della Nuova Guinea. Come la maggior parte, (se non in tutte le arti marziali), il Pencak Silat ha la sua origine nel mondo animale.

PENCAK SILAT GROUP

Sul continente asiatico, la nascita delle arti marziali è stata fatta risalire al momento in cui un santone indiano osservò e poi copiò i movimenti difensivi e di attacco di tali creature come la gru e la tigre. Una delle storie sull’origine del Pencak Silat racconta come una donna di nome Bersilat dell’isola di Sumatra studiò il modo in cui combattevano le scimmie e da qui prese visione e tramite la loro imitazione e il loro comportamento sviluppo questo stile di combattimento che porta una parte del suo nome.

Ci sono centinaia di diversi stili di Silat, la maggior parte dei quali si trovano in Indonesia, Malaysia, Singapore, Thailandia meridionale e sud delle Filippine. Comune a tutti questi stili è una ideologia orientata al combattimento e l’uso di armi.
Va ricordato che anche in Indonesia esistono molti sistemi di Kuntao, una forma di boxe cinese che porta molte somiglianze a Silat e si trova principalmente all’interno delle comunità cinese in Indonesia. Le due parole che compongono il suo nome possono essere tradotte come segue:
PENCAK: il metodo e la filosofia di combattimento
SILAT: l’applicazione di questo metodo; il combattimento reale

DIFESA CONTRO 2 AVVERSARITuttavia, la risposta più semplice è solo la descrizione più ampia di questo efficace sistema di combattimento mortale, altamente segreto, e infinitamente vario. L’isola di Sumatra è separata dal sud-est asiatico continentale solo da una stretta striscia d’acqua, lo Stretto di Malacca. Per migliaia di anni, sambuchi arabi, giunche cinesi, e ogni sorta di pescherecci e altre imbarcazioni si sono spostati liberamente avanti e indietro tra le isole dell’Indonesia e il resto dell’Asia.

BASTONE CONTRO DAGAMolti aspetti della cultura sud-est asiatico, tra cultura materiale e tradizioni religiose sono state adottate e adattate dai vari popoli dell’ Indonesia che sono sempre stati pronti a imparare nuovi modi e poi farne (o adattarne) a beneficio delle proprie.
Le arti di combattimento non fanno eccezione. Armi indonesiani e tecniche che impiegano nei loro sistemi possono somigliare a quelli del Sud-Est asiatico e le isole Philiipine.

Tecniche di calci e pugni e prese hanno una forte somiglianza con discipline come Shaolin boxe, Tai Chi, e Muay Thai. Tuttavia, va anche notato che Pencak-Silat sottolinea sempre fluidi, eleganti e circolari movimenti, e non come i modelli lineari di attacco e difesa che caratterizzano certi modi coreani e giapponesi.
Per una buona ragione, Pencak Silat è stato descritto come “la danza delle arti marziali”.

SILAT HARIMAUCon il 14 ° secolo, le isole dell’Indonesia erano diventate unite dai governanti Majapahit, la cui base di potere era l’isola di Java. Pencak Silat era diventata un’arte molto sviluppata. A poco a poco, a seguito del 14 ° secolo, Pencak-Silat ha cominciato ad essere più ampiamente e apertamente insegnata.

Coloro che avevano imparato Pencak-Silat dovevano avere non solo le abilità fisiche incredibilmente mortali, ma anche tali poteri mistici come l’ipnosi, lettura della mente e la  vero guarigione attraverso il tatto. Un Maestro di Pencak Silat ha guadagnato il titolo di Pendekar ed è stato considerato invincibile. Ogni isola ha sviluppato i propri stili di Pencak-Silat e anche da un villaggio all’altro ci possono esserci grandi differenze.

Ad esempio, tra le montagne vulcaniche di Java occidentale tra il Bogor e Bandung, l’arte di combattimento è studiata in un ambiente religioso. Meditazione, digiuno e preghiere sono utilizzati per aumentare la potenza interiore del praticante. Mentre sull’isola di Madura, ad est di Java, le cose erano diverse. Il loro Pencak Silat, era altrettanto mistico, non era praticato come uno sport o visualizzato come una danza. Il suo unico utilizzo era prettamente quello di uccidere il nemico.

KARAMBIT CONTRO SARONGUn’altra caratteristica di Pencak-Silat è la capacità dei combattenti di tenere una posizione seduta e rilassata per poi saltare attaccando come una scimmia. Alcuni attacchi possono avvenire anche da una posizione accovacciata al suolo a “quattro zampe”, come una tigre. (Lotta a terra è una parte importante di molte delle forme di questa arte marziale. Molte delle tecniche ad esempio del Brazilian Jiu-jitsu si trovano da secoli nelle leve articolari del Pencak-Silat.)

Praticanti esperti di Pencak-Silat hanno anche la capacità di ipnotizzare un avversario, così come di impegnarsi in auto-ipnosi per indurre uno stato in cui sono impermeabili al dolore e capaci di gesta sovrumane. Un altro aspetto della Pencak-Silat è che tutti i diversi stili esistenti hanno in comune una filosofia dietro il combattimento. “Non devi mai disprezzare nessuno, neanche il tuo nemico. Se si perde il desiderio di pace.. non importa quante battaglie si vince.. alla fine si perde sempre”.

 

Newsletter